gruppo ire

News

Mercato immobiliare, dal 2001 il valore delle case è salito del 76%

by IRE
Feb , 6
Mercato immobiliare, dal 2001 il valore delle case è salito del 76%

“Gruppo I.R.E. la nuova frontiera dell’investimento immobiliare”

Hai letto? … Come descrive l’articolo di questa settimana tratto da QuiFinanza del 03/02/2018, il mattone ha visto crescere dal 2001 il suo valore nel tempo pari ad un +76%, segno che l’investimento sul mercato immobiliare storicamente non ha mai tradito e che quest’ultimo continua da sempre a rappresentare per gli italiani un bene rifugio molto apprezzato! Acquista una Proprietà turnaria (economia reale) e scopri di poter sfruttare al meglio tutti i vantaggi concreti e le solide opportunità offerte con il nostro metodo realmente innovativo a partire da €50 al mese! Visita il nostro sito www.ire-web.com e scopri la nostra famiglia dei prodotti CERTUS™ oppure scrivici ad info@ire-mail.com!

IRE, un miglior tenore di vita alla portata di tutti!

 

Stralcio articolo tratto da QuiFinanza del 03/02/2018

Quanto valgono le case oggi? A svelarlo è uno studio dell’Istat, che punta a mettere in evidenza la ricchezza non finanziaria delle famiglie per quanto riguarda il comparto abitativo. Secondo i dati raccolti dall’istituto chi ha comprato casa nel 2001 ha visto crescere il suo investimento del 76%. Nel periodo precedente alla crisi dell’immobiliare infatti le famiglie che compravano casa potevano contare su un valore dell’immobile piuttosto alto.

Ciò non significa che il mercato delle case oggi si sia fermato, come rivela l’Istat: “Nel terzo trimestre 2017 – si legge in una nota diffusa dall’Osservatorio dell’agenzia delle Entrate -, il tasso tendenziale degli scambi di unità a destinazione residenziale resta positivo, +1,5%.

Ad oggi sono le famiglie a detenere la maggior parte del patrimonio residenziale con il 92%. In base ai dati le Famiglie consumatrici possiedono l’81% del valore del patrimonio residenziale. Sono case che vengono utilizzate come abitazione principale oppure come seconda casa in cui l’11% degli immobili viene acquistato a scopo di investimento e per attività di locazione.